giovedì 15 marzo 2018

Uno di noi sta mentendo di Karen M. McManus: chi è l'assasino di Simon? #2

Buongiorno readers,
eccoci alla seconda tappa della lettura condivisa del nuovo thriller di Karen M. McManus edito Mondadori, in libreria dal 6 Marzo 2018.
Vi ricordo che sto partecipando al giochino ideato dalla casa editrice dove ogni settimana sfida i lettori a ipotizzare teorie sull'assassino di Simon.
Qui trovate la teoria sulla prima parte del romanzo che ho condiviso con voi la scorsa settimana. La trama completa e un'approfondimento sui personaggi.
Per questa seconda tappa dovevamo leggere da pag. 93 a pag. 137.
Titolo: Uno di noi sta mentendo 
Autore: Karen M. McManus
Editore: Mondadori
Data pubblicazione: 6 Marzo 2018
Acquistalo: Amazon Mondadori

"Era una bugia che raccontavo perché era più facile della verità. E perché un po' ci credevo. So cosa significa raccontarsi una bugia così tante volte da farla diventare realtà. Ma la verità viene sempre fuori. Prima o poi."
Cinque studenti sono costretti a trascorrere un'interminabile ora di punizione nella stessa aula. Bronwyn, occhiali e capelli raccolti da studentessa modello, non ha mai infranto le regole in vita sua e vive per essere ammessa a un'università prestigiosa e rendere fieri i suoi genitori.
Nate, capelli scuri disordinati e un giubbino di pelle malandato, è in libertà vigilata per spaccio di erba e sembra a un passo dall'andare completamente alla deriva.
Cooper, il ragazzo d'oro con cui tutte vorrebbero stare, è la star della scuola e sogna l'ingaggio in una grande squadra di baseball.
Addy, una chioma di folti ricci biondi e un viso grazioso a forma di cuore, sta cercando di tenere insieme i pezzi della sua vita perfetta.
Infine Simon, l'emarginato, lo strano, che, per prendersi la sua rivincita su chi lo ha sempre trattato male, si è inventato una app che rivela ogni settimana dettagli piccanti della vita privata degli studenti.
Pur conoscendosi da anni, non possono certo definirsi amici. Qualcosa li unisce, però. Nessuno di loro è davvero e fino in fondo come appare. Ognuno di loro dietro alla facciata "pubblica" nasconde molto altro, un mondo di fragilità, insicurezze e paure, ma anche di segreti piccoli e grandi di cui nessuno, o quasi, è a conoscenza. Da quell'aula solo in quattro usciranno vivi. All'improvviso e senza apparente motivo, Simon cade a terra davanti ai compagni e muore. Non appena si capisce che quella che sembrava una morte dovuta a un improvviso malore in realtà è un omicidio, il mondo di Bronwyn, Nate, Cooper e Addy inizia a vacillare. E crolla definitivamente quando la polizia scopre che i protagonisti di un ultimo post mai pubblicato di Simon sono proprio loro. In men che non si dica, i quattro ragazzi da semplici testimoni diventano i principali indagati dell'omicidio...
Lo ammetto non ci sto capendo nulla.
Di solito, arrivata circa a metà libro,  riesco  già ad intuire come potrà essere il finale, questa volta però non ne ho la minima idea!
La tensione in questa seconda parte è alta, ora che una buona parte dei segreti dei 4 ragazzi sono venuti allo scoperto e sono di dominio pubblico l'equilibrio a scuola è cambiato. Ognuno di loro è un sospettato e non si possono fidare più di nessuno, nemmeno tra di loro.
Sono ancora convinta che i quattro ragazzi siano stati incastrati, anche se Nate e la sua scorta di cellulari così simili a quelli ritrovati negli zaini dei protagonisti, che vi ricordo li hanno costretti a quella fatidica ora di punizione, mi fa dubitare di lui.
Vi dirò la verità mi sto proprio affezionando a questi quattro ragazzi, e quindi spero che nessuno di loro abbia architettato l'omicidio di Simon, ne rimarrei veramente delusa.
Addy finalmente sta riscoprendo se stessa e inizia a pensare con la sua testa senza essere solo l'ombra del fidanzato Jake. Tra Nate e Bronwyn sta nascendo qualcosa che potrebbe andare ore alla semplice amicizia, Nate è un po' meno solo ha qualcuno con cui parlare e confidarsi, qualcuno che non lo tratta solo come un reietto, Bronwyn da ragazza modello sta riscoprendo il suo lato ribelle.  E poi c'è Cooper combattuto tra mantenere la facciata del ragazzo perfetto e tra essere finalmente se stesso, palesemente non è innamorato della sua attuale ragazza e credo proprio abbia una cotta per un suo amico. Mi sbaglierò magari?

I miei sospetti si stanno riducendo a due persone principalmente:
Il professore Avery, che anche in questa seconda parte della lettura condivisa compare poco.
Lo trovo un personaggio ambiguo, una persona molto sola. Ricordiamoci poi che è stato lui a trovare i telefoni negli zaini dei ragazzi e era presente nell'aula fino a pochi istanti prima che Simon morisse. E poi il professore ha conoscenze in ambito scientifico a avrebbe saputo come usare l'olio di arachidi.
Maeve la sorella di Bronwyn, è ilL secondo mio sospetto, ma la teoria è quasi inconsistente perchè, mi chiedo come avrà fatto a mettere l'olio alle arachidi nel bicchiere che ha bevuto Simon? Non ci risulta che si trovasse nei paraggi dell'aula il giorno dell'omicidio.
E' tra i miei sospetti perchè è riuscita ad entrare nel pannello di controllo del blog con cui Simon postava i pettegolezzi. Inoltre c'è un po' di mistero intorno al pettegolezzo che Simon aveva postato su di lei anni prima. Sospetto inoltre che Maeve, a causa del cancro che ha avuto sia sempre stata gelosa della sorella perfetta Bronwyn e che voglia, in qualche modo, liberarsi di lei.
Non mi convincono molto neppure Janea la migliore amica forse fidanza di Simon, di cui si parla poco ma scommetto nasconda qualcosa e Jake il perfetto ex fidanzato di Addy che si sta rivelando un maniaco del controllo, arrogante e maschilista. Che abbia ucciso Simon per evitare di subire lo scandalo del tradimento?


E' ancora troppo presto per puntare il dito contro qualcuno, molti segreti devono ancora essere svelati.
Fatemi sapere le vostre teorie!
A Giovedì prossimo!

6 commenti:

  1. Anche io sospetto di Maeve, esattamente per gli stessi motivi che hai detto tu, anche se non si capisce che tipo di collegamento possa avere con gli altri sospettati. Perché li avrebbe coinvolti?
    E sospetto anche di Janae, penso che si disperi così tanto perché magari si sente anche in colpa.
    Chissà, lo scopriremo solo leggendo.

    RispondiElimina
  2. Mi piace leggere di romnazi in cui non si sa nulla della vera identità dell'assassino, e i motivi che lo spingono a compiere un omicidio.. Non ho ancora letto questo romanzo, ma devo dire mi ispira parecchio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, se ti piace il genere mistero, segreti, bugie, questo libro fa per te ^_^

      Elimina
  3. Io invece sono abbastanza sicura su Simon, ho solo il dubbio su Jake. Non so se sia stato uno dei due ad architettare tutto o se siano complici entrambi. I quattro sospettati li escluderei.

    RispondiElimina

Questo blog vive grazie ai vostri commenti, perciò se avete letto il post lasciate un segno del vostro passaggio!
Se vi è piaciuto l'articolo, cliccate sul tasto G+!